BANDO – NUOVA SABATINI – CHIUSURA SPORTELLO – Incentivi alle PMI per Nuovi Investimenti Nel Processo Produttivo

NUOVA SABATINI – CHIUSURA SPORTELLO – INCENTIVI ALLE PMI PER NUOVI INVESTIMENTI NEL PROCESSO PRODUTTIVO

Avviso 2 settembre 2016 – Chiusura sportello

Con decreto direttoriale del 02/09/2016 è stata disposta, a partire dal 03/09/2016, la chiusura dello sportello per la presentazione delle domande di accesso ai contributi, a causa dell’esaurimento delle risorse finanziarie disponibili. Da tale data, pertanto, le domande presentate dalle imprese sono considerate irricevibili.
Le risorse finanziarie disponibili hanno consentito di accogliere le richieste di prenotazione presentate dalle banche e dagli intermediari finanziari fino a quella pervenuta il 02/09/2016 alle ore 14:59:20, che è stata accolta parzialmente nella misura del 14,96 % rispetto all’importo richiesto.
Con il predetto decreto direttoriale, come stabilito dalla vigente normativa, si specifica che, qualora entro i sessanta giorni successivi alla data di chiusura dello sportello si rendano disponibili ulteriori risorse, le stesse possono essere utilizzate esclusivamente per incrementare l’importo della prenotazione disposta in misura parziale e, successivamente, per soddisfare eventuali altre richieste di prenotazione risultanti prive di copertura, nel rispetto dell’ordine di presentazione delle stesse all’interno della medesima trasmissione mensile. Le eventuali richieste di prenotazione non soddisfatte con dette risorse acquisiscono priorità di prenotazione in caso di riapertura dello sportello. Con successivo provvedimento ricognitivo del Direttore Generale per gli incentivi alle imprese sarà pubblicato l’elenco, in ordine cronologico di arrivo, delle richieste di prenotazione risultate prive di copertura finanziaria.
Le domande presentate alle banche o intermediari finanziari in data antecedente a quella di chiusura dello sportello e non incluse in una richiesta di prenotazione inviata al Ministero dello Sviluppo Economico, in caso di riapertura, devono essere inserite in una specifica richiesta di prenotazione e mantengono i diritti e le condizioni derivanti dalla data di presentazione originaria.
Si fa presente che lo sportello sarà immediatamente riaperto per effetto del rifinanziamento della misura da disporre con legge di stabilità o altro provvedimento di legge.

BANDO – INTERVENTI FINANZIARI PER IL COMMERCIO 2016 – RISORSE € 600.000

INTERVENTI FINANZIARI PER IL COMMERCIO ANNO 2016

Progetti di riqualificazione e valorizzazione delle imprese commerciali nei comuni sopra e sotto i 5.000 abitanti

SOGGETTI BENEFICIARI

  • micro, piccole e medie imprese commerciali di vendita al dettaglio esistenti;
  • micro, piccole e medie imprese di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande esistenti; nei comuni sopra e sotto i 5.000 abitanti.

TIPO DI INTERVENTO

  • Ristrutturazione, manutenzione ordinaria e straordinaria,
  • nonché ampliamento dei locali adibiti o da adibire ad attività commerciale (le spese relative al deposito merci nonché gli uffici non sono ammissibili a contributo anche se il deposito/ufficio è contiguo all’unità locale);
  • Attrezzature fisse e mobili strettamente inerenti l’attività di vendita e/o di somministrazione di alimenti e bevande (le spese per allestimento di veicoli non sono ammesse);
  • Arredi strettamente inerenti l’attività di vendita e/o somministrazione di alimenti e bevande (ad eccezione di complementi di arredo, suppellettili e stoviglie, e quant’altro non strettamente funzionale all’attività da incentivare).

ENTITA’ DELL’AIUTO

Il contributo a fondo perduto è fissato nella misura del 15% della spesa ammissibile

La spesa ammissibile, al netto di IVA, non può essere inferiore a € 15.000,00 e superiore a € 80.000,00. Tutte le spese devono essere di nuova fabbricazione.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammessi a finanziamento i progetti realizzati a partire dal 1° gennaio 2015

RISORSE DISPONIBILI: Euro 600.000,00

Le domande (in bollo) dovranno essere inoltrate tramite PEC (posta elettronica certificata) in formato PDF e firmate digitalmente al seguente indirizzo: regione.marche.funzionectc@emarche.it, a decorrere dalla data del 08/09/2016 e fino al 4 Ottobre 2016.

SCADENZA 4 OTTOBRE 2016

BANDO – LEGGE REGIONALE 28/2015 – Contributi per la digitalizzazione delle imprese artigiane

LEGGE REGIONALE 28/2015
Contributi per la digitalizzazione delle imprese artigiane

Soggetti Beneficiari:

– Imprese artigiane, singole o associate:
Per imprese artigiane si intendono: imprese individuali, società in nome collettivo, società in accomandita semplice, società a responsabilità limita, cooperative iscritte all’albo delle imprese artigiane di cui all’art. 28 della L.R. 20/2003. Per imprese associate si intendono i consorzi costituiti ai sensi dell’art. 6 della Legge 443/85 le Associazioni temporanee di Impresa (ATI) e reti di impresa  costituite tra imprese costituite ai sensi della legislazione vigente.

Interventi ammissibili:

Progetti per la digitalizzazione dei processi aziendali e l'ammodernamento tecnologico tramite l’ l'acquisto di software, hardware o servizi di consulenza specialistica i che consentano:

  1. il miglioramento dell’efficienza aziendale,
  2. lo sviluppo di soluzioni di e-Commerce,
  3. la connettività a banda larga e ultralarga,
  4. il collegamento Internet con tecnologia satellitare
  5. la formazione qualificata del personale nel campo ICT.

Spese ammissibili a contributo:

  • Spese per spese per l’acquisto di hardware, software e servizi di consulenza specialistica strettamente finalizzati alla digitalizzazione dei processi aziendali.
  • Spese per l’acquisto di hardware, software, inclusi software specifici per la gestione aziendale delle transazioni on-line e per i sistemi di sicurezza della connessione di rete, e servizi di consulenza specialistica strettamente finalizzati allo sviluppo di soluzioni di e-commerce.
  • Spese  di attivazione del servizio sostenute una tantum, con esclusivo riferimento ai costi di realizzazione delle opere infrastrutturali e tecniche, quali lavori di fornitura, posa, attestazione, collaudo dei cavi, e ai costi di dotazione e installazione degli apparati necessari alla connettività a banda larga e ultralarga.
  • Spese relative all’acquisto e all'attivazione di decoder e parabole per il collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare.
  • Spese per la partecipazione a corsi e per l’acquisizione di servizi di formazione qualificata, purché attinenti fabbisogni formativi strettamente correlati agli ambiti di attività di transazioni e-commerce , gestione siti internet

Misura dei contributi:

Alle imprese può essere riconosciuto un contributo di importo non superiore a € 10.000,00

I  contributi  sono concessi nella misura massima del 50% del totale delle spese ammissibili

Termine di validità della documentazione di spesa:

Per gli interventi previsti dal presente bando sono ammesse ai contributi le spese sostenute successivamente al 01.01.2016

Risorse € 400.000,00

SCADENZA 28 OTTOBRE 2016

BANDO – POR MARCHE FESR 2014/2020 – ASSE 3 – AZIONE 7.1

LEGGE REGIONALE 28/2015
Contributi per la digitalizzazione delle imprese artigiane

Soggetti Beneficiari:
Imprese singole o associate.
Per imprese artigiane si intendono le imprese individuali, le società in nome collettivo, le società in accomandita semplice, le società a responsabilità limita, e le cooperative iscritte all’albo delle imprese artigiane di cui all’art.28 della L.R.20/2003.
Per imprese associate si intendono i consorzi costituiti ai sensi dell’art.6 della Legge 443/85, le Associazioni temporanee di Impresa (ATI) e le reti di impresa costituite tra imprese istituite ai sensi della legislazione vigente.

Interventi ammissibili:
Progetti per la digitalizzazione dei processi aziendali e l'ammodernamento tecnologico tramite l'acquisto di software, hardware o servizi di consulenza specialistica i che consentano:

  • il miglioramento dell’efficienza aziendale
  • lo sviluppo di soluzioni di e-Commerce
  • la connettività a banda larga e ultralarga
  • il collegamento Internet con tecnologia satellitare
  • la formazione qualificata del personale nel campo ICT

Spese ammissibili a contributo:

  • Spese per spese per l’acquisto di hardware, software e servizi di consulenza specialistica strettamente finalizzati alla digitalizzazione dei processi aziendali
  • Spese per l’acquisto di hardware, software, inclusi software specifici per la gestione aziendale delle transazioni on-line e per i sistemi di sicurezza della connessione di rete, e servizi di consulenza specialistica strettamente finalizzati allo sviluppo di soluzioni di e-commerce
  • Spese di attivazione del servizio sostenute una tantum, con esclusivo riferimento ai costi di realizzazione delle opere infrastrutturali e tecniche, quali lavori di fornitura, posa, attestazione, collaudo dei cavi, e ai costi di dotazione e installazione degli apparati necessari alla connettività a banda larga e ultra larga
  • Spese relative all’acquisto e all'attivazione di decoder e parabole per il collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare
  • Spese per la partecipazione a corsi e per l’acquisizione di servizi di formazione qualificata, purché attinenti fabbisogni formativi strettamente correlati agli ambiti di attività di transazioni e-commerce, gestione siti internet

** Gli interventi formativi dovranno essere rivolti al personale delle imprese beneficiarie (titolari, legali rappresentanti, amministratori,soci, dipendenti) risultante dal registro delle imprese o dal libro unico

Misura dei contributi:
Alle imprese può essere riconosciuto un contributo di importo non superiore a € 10.000,00
I contributi sono concessi nella misura massima del 50% del totale delle spese ammissibili

Termine di validità della documentazione di spesa:
Per gli interventi previsti dal presente bando sono ammesse ai contributi le spese sostenute successivamente al 01.01.2016

Risorse € 300.000,00

SCADENZA SETTEMBRE 2016 – MANCANO I DECRETI REGIONALI D'APPROVAZIONE
 

BANDO – LEGGE REGIONALE 28/2015 – Contributi per la nascita di nuove imprese artigiane

LEGGE REGIONALE 28/2015
Contributi per la nascita di nuove imprese artigiane

Soggetti Beneficiari:
Le imprese artigiane, singole o associate iscritte all’albo delle imprese artigiane di cui all’art. 28 della L.R. 20/2003, nel periodo fra l' 01/06/2015 e la data di scadenza del bando.

Per impresa a conduzione o a prevalente partecipazione giovanile e/o femminile si intende:

  1. impresa femminile:
    • impresa individuale il cui titolare sia una donna;
    • società di persone, società cooperativa o di capitali costituita in misura non inferiore al 60% da donne, le cui quote di partecipazione spettino in misura non inferiore al 60% a donne ed i cui organi di amministrazione siano costituiti per almeno 2/3 da donne alla data di pubblicazione del bando.
  2. impresa giovanile:
    • impresa individuale gestita esclusivamente da giovani con meno di 35 anni;
    • società di persone, società cooperativa o di capitali costituita in misura non inferiore al 60% da giovani di età non superiore ai 35 anni; le cui quote di partecipazione spettino in misura non inferiore ai 2/3 a giovani ed i cui organi di amministrazione siano costituiti per almeno i 2/3 da giovani.

Spese ammissibili a contributo:
Sono ammissibili e quindi finanziabili le spese sostenute nel periodo dall' 01/06/2015 alla data d'invio della domanda riconducibili agli investimenti previsti dal bando realizzati nella sede/unità locale localizzata sul territorio della Regione Marche:

  • onorari notarili e costi relativi alla costituzione d'impresa
  • acquisto di beni strumentali/macchinari/attrezzature/arredi nuovi e di strutture non in muratura e rimovibili necessari all'attività; l'importo unitario minimo dovrà essere pari ad almeno euro 500;
  • impianti generali per un importo massimo del 30% del totale dell'investimento complessivamente ammesso; sono escluse le realizzazioni “fai da te” documentate solo con acquisti di materiale;
  • acquisto e sviluppo di software gestionale, professionale e altre applicazioni aziendali;
  • acquisto di hardware (escluse spese per smartphone e cellulari);
  • registrazione e sviluppo di marchi e brevetti e relative spese per consulenze specialistiche;
  • spese di pubblicità limitatamente ai seguenti casi: messaggi pubblicitari su radio, TV, cartellonistica, social network, banner su siti di terzi, Google AdWords;
  • spese per la realizzazione di materiale promozionale limitatamente ai seguenti casi: brochure, depliants, cataloghi, gadget;
  • spese per la realizzazione del sito d'impresa, esclusi i costi dei successivi interventi di restyling;
  • ricerche di mercato relative all'analisi di settore e ai potenziali segmenti di mercato;
  • consulenza e servizi specialistici nelle seguenti aree:marketing,logistica,produzione,personale, organizzazione e sistemi informativi,economico-finanziaria e contrattualistica
  • acquisizione di servizi di mentoring aventi lo scopo di supportare l'imprenditore nella gestione nei primi 3 anni di attività per un costo massimo di €.1.000,00.

Misura dei contributi:
Alle imprese può essere riconosciuto un contributo di importo non superiore a € 20.000,00 per ciascun soggetto beneficiario e nel limite delle risorse finanziarie disponibili.
I contributi sono concessi nella misura massima del 50% totale delle spese ammissibili.

 

Termine di validità della documentazione di spesa:
Per gli interventi sono ammesse ai contributi le spese sostenute successivamente al 01-06-2015 ed entro 10 mesi dal decreto di concessione dell'eventuale contributo (quindi anche a preventivo).

Risorse € 300.000,00

SCADENZA 15 DICEMBRE 2016

BANDO – REGIONE MARCHE – RISORSE PER LE IMPRESE ARTIGIANE

REGIONE MARCHE – RISORSE PER LE IMPRESE ARTIGIANE

La Regione Marche con la DGR 531_16 del 30/05/2016 ha deliberato risorse per Euro 1.902.461.32 relative alla Legge Regionale 20/2003 e Legge Regionale 28/2015 per le imprese artigiane e Consorzi così suddivise :

  • art. 14 per l’artigianato artistico ( € 402.461,32).
  • art. 15 in favore dei consorzi ( € 600.000,00)
  • art. 34 artigianato artistico-commercializzazione-progetti speciali ( € 200.000,00)
  • art. 9 legge 28/2015 digitalizzazione imprese artigiane ( € 400.000,00)
  • art. 9 legge 28/2015 – nuove imprese artigiane ( €300.000,00)

 La Regione Marche successivamente pubblicherà i singoli Decreti per l’approvazione della modulistica e delle scadenze dei relativi bandi.

BANDO – POR FESR 2014-2020

Con il BANDO del POR FESR 2014-2020 ” Sostegno alle start up, allo sviluppo ed alla continuità di impresa nelle aree colpite da crisi diffusa delle attività produttive“.

APPROVATO IL BANDO PER LE AREE DI CRISI MISURA 7.1
IL BANDO SARA’ PUBBLICATO SUL BUR DEL 9 GIUGNO E LE DOMANDE POTRANNO ESSERE PRESENTATE A PARTIRE DALLE ORE 10 DEL 14 LUGLIO 2016.

In attuazione dell’Asse Prioritario 3 – “Promuovere la competitività delle Piccole e Medie Imprese” – il presente intervento mira a contribuire allo sviluppo occupazionale e produttivo nelle aree territoriali della Regione Marche colpite da crisi diffusa delle attività produttive, attraverso un progetto complessivo di rilancio di queste zone.

Le tipologie progettuali ammissibili alle agevolazioni previste sono:

  • progetti di start up
  • progetti di rilocalizzazione- “reshoring”
  • progetti di innovazione
  • progetti di trasferimento d’impresa.

Beneficiarie dell’intervento sono le imprese localizzate in una delle seguenti aree di crisi, identificate dalla Regione Marche (Area dell’Accordo di Programma Merloni- Area del Piceno – Altre Aree della Provincia di Pesaro e Urbino).

BANDO – Sostegno alla realizzazione e commercializzazione di collezioni innovative nei settori del Made in Italy Bando 2016

POR MARCHE FESR 2014-2020 -Asse 3–OS 8–Azione 8.1.

APPROVATO IL BANDO PER LE AREE DI CRISI MISURA 7.1
IL BANDO SARA’ PUBBLICATO SUL BUR (Bollettino Ufficiale Regione Marche) DEL 9 GIUGNO
E LE DOMANDE POTRANNO ESSERE PRESENTATE A PARTIRE DALLE ORE 10 DEL 14 LUGLIO 2016

In attuazione dell’Asse Prioritario 3 “Promuovere la competitività delle Piccole e Medie Imprese”, il presente intervento mira a contribuire allo sviluppo occupazionale e produttivo nelle aree territoriali della Regione Marche colpite da crisi diffusa delle attività produttive, attraverso un progetto complessivo di rilancio di queste zone.

Le tipologie progettuali ammissibili alle agevolazioni previste sono: progetti di start up, progetti di rilocalizzazione- “reshoring”, progetti di innovazione, progetti di trasferimento d’impresa.
Beneficiarie dell’intervento sono le imprese localizzate in una delle seguenti aree di crisi, identificate dalla Regione Marche (Area dell’Accordo di Programma Merloni – Area del Piceno
Altre Aree della Provincia di Pesaro e Urbino).

 

Bando rivolto alle micro, piccole e medie imprese, in forma singola o associata (ATS, ATI , Reti di imprese senza personalità giuridica , Reti di imprese con personalità giuridica) o costituite anche in Consorzi di imprese nei seguenti comparti:

  • Moda: tessile, pelli, cuoio e calzature, abbigliamento e suoi accessori quali cappelli e berretti;  
  • Legno e Mobile

 

FIDIMPRESA MARCHE per sostenere finanziariamente i soci interessati da tale Bando mette a disposizione un’ apposita LINEA DI CREDITO con le seguenti caratteristiche:

  • Finanziamento M.L.T. Importo massimo Euro 300.000,00
  • Garanzia Fidimpresa Marche fino al 80% (in base al merito creditizio)
  • Corsia preferenziale per i tempi di delibera

Inoltre verrà richiesto agli Istituti di Credito convenzionati un impegno a ridurre i tempi di erogazione.

Leggi tutto l'articolo…

Vai al bando pubblicato…

BANDO – POR MARCHE FESR 2014-2020

POR MARCHE FESR 2014-2020 – Asse 3–OS 8–Azione 8.1

“Sostegno alla realizzazione e commercializzazione di collezioni innovative nei settori del made in italy"
Bando 2016

SOGGETTI BENEFICIARI
Possono partecipare al bando micro, piccole e medie imprese, in forma singola o associata (ATS, ATI, Reti di imprese senza personalità giuridica, Reti di imprese con personalità giuridica) o costituite anche in Consorzi di imprese nei seguenti comparti:

  • MODA: tessile, pelli, cuoio e calzature, abbigliamento e suoi accessori quali cappelli e berretti;
  • LEGNO E MOBILE

TIPO DI INTERVENTO
Il bando intende sostenere in particolare la competitività dei settori del Made in Italy.
L’intervento prevede il sostegno a progetti di innovazione delle MPMI attraverso l’utilizzo del personale, l’acquisizione di servizi qualificati di consulenza e di supporto all’innovazione e l’acquisto di beni strumentali e attrezzature al fine dell’ideazione, sviluppo e commercializzazione di nuove collezioni di prodotti.
Principali ambiti di innovazione:

  • INNOVAZIONE DI PRODOTTO (MATERIALI E DESIGN)
  • INNOVAZIONE DI PROCESSO (ORGANIZZATIVA)
  • INNOVAZIONE COMMERCIALE/MARKETING E VALORIZZAZIONE ECONOMICA DEL MARCHIO/DESIGN

COSTI AMMISSIBILI
I programmi di investimento devono essere avviati dalle imprese partecipanti successivamente alla data di presentazione della domanda di partecipazione

Sono ammessi ad agevolazione i costi determinati, rendicontati e documentati, direttamente funzionali alla realizzazione di collezioni innovative, compresa l’innovazione dei processi e dell’organizzazione necessaria per migliorare i metodi di produzione e rafforzare significativamente le pratiche commerciali, secondo le seguenti tipologie:

  1. PERSONALE (max 30% del totale del costo complessivo del progetto ammesso)
  2. BENI STRUMENTALI E ATTREZZATURE (COMPRESA LA DOTAZIONE INFORMATICA)
  3. BENI IMMATERIALI, BREVETTI, CONSULENZE O SERVIZI EQUIVALENTI

IMPORTI AMMISSIBILI:

  • Il costo complessivo ammesso alle agevolazioni per la realizzazione del progetto non può essere inferiore a € 50.000,00;
  • il limite massimo dell’investimento agevolabile per il comparto della moda (tessile, abbigliamento, pelli, cuoio e calzature e accessori per l'abbigliamento quali cappelli e berretti) è pari a € 200.000,00 mentre per il comparto del legno e mobile è pari a € 300.000,00.

ENTITA’ DELL’AIUTO
Il contributo in conto capitale è previsto in misura variabile, dal 10% al 50% delle spese ammesse, a seconda della dimensione dell'impresa e della tipologia di spesa:

  • Spese per servizi di consulenze e di sostegno all’innovazione,
  • costi per la messa a disposizione di personale altamente qualificato,
  • costi per l'ottenimento, la convalida e la difesa di brevetti ed altri attivi immateriali,
  • spese di personale dipendente in organico,
  • costi relativi alle quote di ammortamento della strumentazione e delle attrezzature nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto,
  • costi della ricerca contrattuale, delle competenze e dei brevetti acquisiti o ottenuti in licenza,
  • spese per la difesa della proprietà intellettuale:

50% Micro, Piccole e Medie Imprese

  • Costi degli investimenti materiali: beni strumentali e attrezzature, compresa la dotazione informatica:

20% Micro e Piccole Imprese; – 10% Medie Imprese

RISORSE DISPONIBILI:

  • € 6.000.000,00 per il comparto della moda (tessile, pelli, cuoio e calzature, abbigliamento e suoi accessori quali cappelli e berretti);
  • € 6.000.000,00 per il comparto del legno e mobile.

SCADENZA BANDO:

Il bando sarà pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Marche giovedì 3 marzo 2016.
La domanda di partecipazione dovrà essere compilata on line entro le ore 13:00 del 27/05/2016 e trasmessa tramite P.E.C. entro le ore 23:59 del 01/06/2016.